(…) La salute ha una modalità infinita ed espansiva, e si protende per essere colmata dalla pienezza del mondo; laddove la malattia ha una modalità finita e riduttiva, e cerca di ridurre il mondo a se stessa. La malattia è un vampiro ontologico che si nutre, consumandole, delle fondamenta del vero essere (…).

Foto: Daniele Pasquillo-Risvegli

Archivio