a te che a sera rientravi e d’inverno
avevi addosso l’odore del vento, tu
il gigante io lo scricciolo, e m’abbracciavi

e colmavi di pane la madia della mia fame
(non vi furono altre braccia che mi resero
mai così densamente regina