Stava il fanciullo immobile nel sole
del suo giorno fatato. Il chiaro lago
del tempo i fianchi gracili baciava.

Era il suo labbro muto di parole,
ed il suo sguardo innamorato e vago
a invisibili forme s’incantava.