È nato nel 1962 a Locri (R.C.). Nel 1981 si trasferisce a Milano dove tuttora vive e lavora nel settore infissi in alluminio. Da 15 anni scrive nella lingua madre, il dialetto calabrese del basso ionico reggino. Suoi testi sono apparsi su varie riviste tra le quali Nuovi Argomenti, Tratti, Il Segnale, Capoverso, La Mosca di Milano, Gradiva,  Atelier. Vincitore di importanti premi di poesia. Le sue pubblicazioni: Na folia nt’è falacchi, Un nido nel fango, Edizioni CFR, Piateda SO, 2011. Diricati chi si movinu, Radici Mobili, ed. La Vita Felice, 2015. E’ membro di giuria dei premi letterari “Città di Galbiate” (LC) e “Daniela Cairoli” (CO).

 

A survara

 

Sthringi e cusi a peji tò

ncasu lapri i ghambi ‘a terra

chjiudi i denti sup’è labbra

quandu gràlimi ‘i falacchi

fannu singhi sup’è vini.

 

Sbuja rraggia d’ogmi cùfalu

nta stu temphu di catini

l’occhji nnàcanu la rùggia

scula ‘u sangu sup’a rina

nnanzi chi si senti ‘a zala

chi ndi scippa a muzzi ‘u cori.

 

’I na grutta na mmagara

suttasupa ‘a cruci e ‘u cielu

cu ddu jidita a sperrazzu

sputa arretu merda-jelu

morza mìscita ‘i gudeja.

 

Statti arrassu malacarni

nta cortara chi ti dugnu

mbisca favi orgiu e feli

menti l’occhji muti e prega.

 

Thri cotrari sup’un survu

fannu a gara a cu cchjiù godi

godi frunda beja longa

‘a tò sburra è ccanni nnanzi

se tradisci eu ti struggiu

senza ‘n vilu di pietà.

 

Jamu, spingi, frischjia trenu!

Int’ò latti d’i mè minni

divacau grumi d’acqua

scorzi e spicci ‘i diricati

ma ‘u mè corpu è sonnu chjinu

se ‘a notti jà a’ muntagna

voca e llumina cusì.

 

Il sorbo

 

Stringi e cuci la tua pelle/ se la terra apre le gambe/ serra i denti sulle labbra/ quando lacrime di fango/ fanno crepe sulle vene.// Sgorga rabbia da ogni buco/ in questo tempo di catene/ gli occhi cullano la ruggine/ scola il sangue sulla rena/ prima che si senta l’urlo/ che ci strappi a morsi il cuore.// Da una grotta una magara/ capovolge croci e cielo/ con due dita a coltellaccio/ sputa dietro merda-gelo/ mesce avanzi di budella.// Stai lontana malacarne/ nella brocca che ti porgo/ mischia fave orzo e fiele/ metti gli occhi muti e prega.// Tre ragazzi sopra un sorbo/ fanno a gara a chi più gode/ godi foglia lanceolata/ il tuo sperma è qui davanti/ se tradisci ti distruggo/ senza un velo di pietà./ Dai, su spingi, fischia treno!/ Dentro il latte del mio seno/ ho versato grumi d’acqua/ scorze e avanzi di radici/ ma il mio corpo è un sogno pieno/ se la notte alla montagna/ chiama e illumina così.

 

Il quadernario è acquistabile al prezzo di euro 20,00 scrivendo all’indirizzo ordini@lietocolle.it o telefonando al numero 031/4479280