Midas

                                               Streyght the power

                                               of making gold

  1. Masks

 

King Midas’ diamond mind

asking instant aurifex fired the world, & faulted.

 

Midas rises

from his throne in Turkey masked in light

hammered from its material component to resemble

the finest Mycenean foil:

Midas disguised as an Agamemnon of baubles, his

riches each wretched.

 

“Gold & silver we will tell them

they have from God; the diviner metal is within them,

and they have therefore no need of the dross which is current

among men, and ought not to pollute the divine

by any such earthly admixture;

for that metal has been the source of many unholy deeds,

but their own is

Undefiled.”

[Plato, The Republic]

Orpheus was Midas’ teacher

the mediterranean world is lost without.

He ventured to Phyrgia to play new modes for the oafish king

whose sin soaks the banks of Pactole to this day.

Upon the clods dense yellow the river

gutters with golden streams to swim;

where, once, bedlam howling out, bluddy hands cutting tunes,

frantic outrage reigned as women

to Orphy went and tore him limb from limb.

 

Songs drummed from his talisman’s silver soul

dissolved foreign energies and drew them into their own.

Vatic Thracian thrashing Cicones spied, a tectonic crash

beheld, “See,

see, he is our contemptor!”

Orpheus percussed nervous songs

wreathing spears maenads hurled in leaves;

mad stones tossed took up Pythagorean orbits:

fractious Berecynthian clamor—flutes, cornets,

tympanies—&  ululated

Bacchanals drowned Orphy’s sound.

 

Ruddy stones are poet’s blood. His scattered

members made a locus.   His body

in sundry places Bacchus mourned.

His head & lyre Hebrus took. A wondrous thing.

[Metamorphoses, XI:1-51]

A gift figured in guile divines

the grieving Twice-born Bacchus,

the voice lost who sang his mysteries, beheaded;

Orpheus’ bobbling crown awash,

his livelesse tongue oh lord does speak.

 

Women oaks moan—Suffring not this meeschief

unrevenged to be, the Wine God

pinned his orgiasts’ toes

with writhen roote in ground; they turned to trees.

A ‘Prelude & Ground à 5’ hums Byrd-like

the Phrygian Airs with catgut & plectre Orpheus

pulled on his viol, more dirgy

than Lydian modes whose somber orgies he’d taught Midas.

Reeds he’d practice on, a puerile Pan, have origins

in Asia Minor.   They grow in swampy rushes where a flicker lighted

in grassy shadow taps on tin roofs a wicka wicka wicka : yellowhammers.

[Audubon’s Field Guide to the Birds of North America, Eastern Region]

Midas the hillbilly king

chicken-picken Orphic ballads on his dobro

daydreamed of winning the lotto and of moon-shine.

Silenus, chief herald of Wine, was sauced; got lost on his ass.

For harboring Silenus Bacchus granted Midas a wish—

gold flowers, gold wall, gold cloth—

his daughter, his meat, his plate. He starved and thirsted.

Rejoicing in his harme he toucheth

every thing. A dish of worms and venomous insects

become ornaments: golden bugs & plated beatled bracelets.

Midas exhorted Bacchus: “Father God

have mercy on me for this ripe damnation.”

Numen of Gods: might.   The God spoke:

“Go to the magnum river near Sardis,

climb its declivity to the flume’s source spuming fountains—

pleroma flowing out—

plunge body & head once—: make of your crime a similitude.”

The king issued out succeeding waters: gold tincture & human water

gushed & eased out.

Arms spanning head-waters, Pactolus burnished in sunlight,

Midas’ spoils spill pools & currents with a radiant runoff—

Silts still glitter.

Semen & vein make fields hard and yellow—

Semolina & wheatstalk in Asia Minor to this day yield

golden harvests.

 

Once upon a time, Prospero’s Orpheus armed with maps made from

acid-treated metal plates goes down to Hell for love but lost—

Maps scorched, their signatures remain copper lace & ash

he smelts & shapes into coils for wires

he will pluck with his teeth.

Say from his corpse Apollo the hurdy-gurdy player

made fiddlepegs with his long fingerbones

he wrapped with Orphic guitar strings.

 

Tmole the ancient

judge rids his ears of trees, keeps a garland of oaks on his hills

& listens: Pan plays rustic pipes &

the Sun-God halo’d in wicker wreath appears.

The head-dress essential for the ritual, he destroys at each

contest.   Apollo sent his sister predator in search of shorebirds;

her hunting expeditions yield feathers for a new crown made up of

a fan-shaped diadem; he wears a feather visor covering

the upper part of the face, a high cylindrical crown

surrounding the head and made of rods surmounted by harpy-eagle feathers,

and a wickerwork disc set with a bristling mass

of stalks stuck with feathers and down.

The whole head-dress is almost two meters high.

[Claude Lévi-Strauss, Tristes Tropiques]

He strings his gourd,

inlaid in Indian ivory, his pick a gull’s wing-bone,

& frets a complete string music of galliards and pavanes,

some sung, some strummed, most bowed; rocks, trees, & streams

move nowhere, but breezes circle the mountain, bended rapid winds—

Tmolus has no doubt—Apollo wins.   Midas opts for Pan—

What an Ass!

 

Leaving Boulder

the Colorado cuts gouges through the Rockies.

Prospectors shovel clumps from the hills and trolley

loads to slotted flues sluicing riverwater they rinse the dirt in.

We asked one, “Are you looking for gold?”

“Isn’t everybody?” he said, a panhandler.

Imagine penitent Midas on Mt. Tmolus

performing forest austerities

where Pan handles reeds he’s fluted & notched for fingerings.

Midas has asses’ears his barber can’t keep secret.

Midas’ lust for gold made him an ear

for Orpheus, for wishes, and for woodwinds.

 

 

Re Mida

 

                                                            Immediato il potere

                                                           di trasmutare in oro

 

  1. Maschere

 

La mente di diamante del re Mida

nel chiedere un aurifex immediato ispirò il mondo, & sbagliò.

 

Mida si leva

dal trono in Turchia, mascherato di luce

cesellata nella sua componente materiale, per simulare

la più fine delle lamine micenee:

Mida vestito come un Agamennone da rigattiere, squallida

ciascuna delle sue ricchezze.

 

“Oro & argento diremo loro

che li hanno avuti dal Creatore; il metallo più divino è dentro di loro,

e dunque non hanno alcun bisogno delle scorie che circolano

fra gli uomini, e dovrebbero evitare di contaminare il divino

con queste misture terrene;

dal momento che il metallo è stato la fonte di molti atti sacrileghi,

ma il loro è

Incontaminato”.

[Platone, La Repubblica]

Orfeo è stato il maestro di Mida,

senza di lui il mondo mediterraneo è perso.

Si è avventurato in Frigia e ha suonato modi nuovi per quel villano d’un re

il cui peccato ancora ammorba le rive del Pattolo1.

Sopra le zolle dense gialle il fiume

scava ruscelli dorati per nuotare;

dove, un tempo, un putiferio latrava, mani ’nsanguinate che scavavano canzoni,

un oltraggio convulso regnava mentre le donne

corsero da Orfi e lo smembrarono.

 

Risuonarono canzoni dal talismano argentato della sua anima

dissolsero energie forestiere e le accolsero dentro di sé.

Il trace vaticinante mentre travolgeva i Ciconi osservò, uno schianto

tettonico contemplò,  “Guarda,

guarda, è lui il nostro contemptor!”

Orfeo percuoteva canzoni nervose

cingendo di ghirlande le lance gettate dalle menadi fra le foglie;

pietre pazze lanciate in aria hanno assunto orbite pitagoriche:

clamori ribelli berecinti—flauti, corni,

timpani—& ululi da

baccanale sommersero il suono di Orfi.

 

I sassi rubri sono il sangue del poeta. Le sue membra

disperse hanno creato un locus.   Il suo corpo

in molteplici luoghi Bacco pianse.

Il capo & la lira li prese l’Ebro. Una meraviglia.

[Metamorfosi, XI, 1-51]

Un dono istoriato d’inganni profetizza

il dolente Bacco nato due volte,

perduta la voce che cantava i suoi misteri, decapitata;

la corona beccheggiante di Orfeo a fior d’acqua,

la sua lingua senza vita mio dio parla ancora.

 

Donne querce gemono—Non tollerando tale affronto

andar impunito, il Dio del Vino

affigge i piedi dei suoi orgiasti

alle ritorte radici nella terra; si trasformarono in alberi.

Un ‘Prelude & Ground à 5’ alla maniera di Byrd canticchia

Arie Frigie con corde di budella e plettro che Orfeo

tirava fuori dalla viola, più funeree

dei modi della Lidia le cui orge misurate aveva insegnato a Mida.

I giunchi su cui si esercitava, un Pan puerile, venivano

dall’Asia Minore.   Crescono nei canneti paludosi dove un fringuello(1) sorpreso

nell’ombra erbosa batte sui tetti di stagno un wicka wicka wicka : picchi(2).

[Audubon, Guida agli Uccelli del Nord America, Regione Orientale]

Quel cafone di re Mida

ballate orfiche suonando coi piedi di gallina sul suo dobro(3)

fantasticava di vincere alla lotteria e bere moonshine(4).

Sileno, grande araldo del Vino, era sbronzo; si perse col suo asino.

Per aver accolto Sileno, Bacco concesse a Mida un desiderio—

fiori d’oro, muro d’oro, vesti d’oro—

la figlia, la carne, il piatto. Morì di fame e sete.

Godendo nel suo dolore toccò

ogni cosa. Un piatto di vermi e insetti velenosi diventati

gingilli: cimici auree & bracciali laccati d’oro e scarafaggi.

Mida esortò Bacco: “Dio padre

abbi misericordia di me in questa condanna nauseante”.

Nume degli Dei: potere.   Il Dio parlò:

“Va’ al fiume magno nei pressi di Sardi,

scalane i declivi fino al crepaccio da cui sgorga in fontane spumeggianti—

ne zampilla il pleroma(5)

immergivi corpo & testa una sola volta—: fa’ dei tuoi crimini una somiglianza”.

Il re emise acque successive: tintura d’oro & acqua umana

sgorgarono & fuoriuscirono.

Braccia lunghe quanto le sorgenti, Pattolo brunito alla luce del sole,

le spoglie di Mida versano piscine & correnti con canali di scolo radiali—

Il limo luccica ancora.

Per seme & vena i campi si fanno duri e gialli—

Semola & stoppie di grano in Asia Minore ancora oggi danno

raccolti d’oro.

 

C’era una volta l’Orfeo di Prospero armato di una mappa fatta di

lastre di metallo trattate con l’acido va giù all’Inferno per amore, ma si perde—

La mappa bruciata, ne rimangono le firme merletto di rame & cenere

che fonde & ne fa spole per i fili

che scorticherà coi denti.

Per esempio del suo cadavere Apollo suonatore di organetto

ha fatto chiavette da violino con le lunghe ossa delle dita

e ci ha avvolto corde di chitarra orfica.

 

Tmolo l’antico

giudice gli libera le orecchie dagli alberi, si tiene una ghirlanda di querce sulle colline

& ascolta: Pan suona un piffero rustico &

il Dio-Sole appare il capo cinto da una corona di vimini.

Il copricapo indispensabile per il rito, lo distrugge ad ogni

gara.   Apollo ha mandato sua sorella predatrice in cerca di uccelli riparii:

la battuta di caccia frutta piume per una nuova corona costruita con

un diadema a forma di ventaglio; indossa una visiera di piume che gli copre

la parte superiore del volto, un’alta corona cilindrica

gli circonda il capo fatta di bastoni con in cima piume di aquile arpie,

e un disco di vimini intrecciati incastonato in una massa spinosa

di stoppie cosparse di piume e penne.

L’intero copricapo è alto quasi due metri.

[Claude Lévi-Strauss, Tristi tropici]

Incorda la zucca,

intarsiata di avorio indiano, il plettro è l’osso di un’ala di gabbiano,

& strimpella tutta una musica d’archi per gagliarde e pavane,

alcune cantate, altre pizzicate, perlopiù suonate con l’archetto; pietre, alberi, & ruscelli

non vanno da nessuna parte, ma le brezze aggirano la montagna, rapidi venti ricurvi—

Tmolo non ha dubbi—vince Apollo. Mida sceglie Pan—

Che Asino!

 

Partendo da Boulder

il Colorado taglia solchi nelle Montagne Rocciose.

I cercatori d’oro spalano carrettate di zolle dalle colline

le portano a certi canali e filtrano l’acqua di fiume nella quale sciacquano la terra.

Abbiamo chiesto a uno, “Cerchi l’oro?”

“E chi non lo cerca?” ha detto, un accattone.

Immagina Mida penitente sul monte Tmolo

impegnato in austerità forestali

dove Pan manipola giunchi li svuota & fa i buchi per le dita.

Mida ha orecchi d’asino che il suo barbiere non riesce a tenere segrete.

La smania di Mida per l’oro ne ha fatto l’orecchio

di Orfeo, per desideri, e oboi(6).

 

 

[Dal volume Nuova Poesia Americana: Chicago, a cura di Luigi Ballerini, Gianluca Rizzo e Paul Vangelisti, di prossima pubblicazione presso Mondadori.]

 

[Traduzione di Gianluca Rizzo.]

 

 

Notizia.

Peter O’Leary è nato a Detroit, in Michigan, nel 1968. Ha conseguito un dottorato presso l’Università di Chicago, Divinity School. Fra i suoi volumi di versi ricordiamo: The Phosphorescence of Thought (2012), Luminous Epinoia (2010), Depth Theology (2006), e Watchfulness (2001). O’Leary ha pubblicato anche un saggio monografico di critica letteraria intitolato Gnostic Contagion: Robert Duncan & the Poetry of Illness (2002). Vive a Berwyn, in Illinois, ed insegna alla School of the Art Institute of Chicago e al Committee on Creative Writing dell’Università di Chicago.

 

 

Alcune note.

Le frasi in corsivo, inclusa l’epigrafe e a meno che non ci siano indicazioni diverse, vengono dalla traduzione di Arthur Golding delle Metamorfosi, pubblicata nel 1567. È questa l’edizione consultata, con ogni probabilità, da William Shakespeare.

 

Di volta in volta, sul margine destro della pagina, sono indicate le fonti delle citazioni.

 

 

 

Note.

(1) L’inglese parla di “flicker”, un uccello diffuso nel Nord America e nell’America centrale, appartenete alla famiglia dei picchi.

(2) Nell’originale, “yellowhammer”, ovvero zigolo giallo. I tre “wicka” che precedono vanno intesi in senso onomatopeico.

(3) Il dobro è uno stile particolare e una marca di chitarra resofonica, ovvero una chitarra acustica il cui suono è prodotto da coni di metallo invece che da una cassa di risonanza di legno. In origine, questa soluzione tecnica serviva a renderne il suono più forte, così che potesse essere suonata assieme ai fiati e alla batteria nei grossi complessi di musica da ballo. L’avvento della chitarra elettrica e degli amplificatori ha definitivamente risolto il problema che aveva portato alla creazione dei dobro, che ora vengono usati per lo più da gruppi bluegrass, per via del loro suono particolare.

(4) Il moon-shine è un distillato a forte contenuto alcolico, simile alla vodka o al whiskey, di solito prodotto illegalmente.

(5) Il termine pleroma, generalmente, indica la totalità dei poteri di dio; significa pienezza, e viene usato sia in contesti gnostici, che cristiani.

(6) L’originale parla, più in generale, di “woodwinds”, e cioè legni, strumenti a fiato.