quassù è nord di grani e raccolto
e stirpe di magagne in misura di pazienza
e grave la voce del mondo riprende il sereno
il vicino dire dello sguardo
e l’arsura quando per basse maree
un male puro ti corica e vedi
l’esilio ai tuoi portoni.