In “Lettere da Eldorado”, il penultimo libro di poesie di Davide Cortese , troviamo la chiave per comprendere “DARKANA”, il nuovo, pregevole libro del poeta di Lipari, in questi versi: “La poesia di luce / è dettata dall’oscurità”. Tutto il libro è un’architettura gotica che aspira alla luce e svetta verso l’alto. Il libro si apre con questi versi: “Io sono il solo gargoyle che puoi vedere / di tutta la mia invisibile cattedrale”. E apprenderemo presto che quella di Cortese è una “cattedrale del diavolo”. Il solo gargoyle di una cattedrale:  “la punta di un iceberg sepolto dall’abisso”. L’abisso e l’oscurità sono maschere della poetica di Cortese, che è invece irrimediabilmente solare, sfavillante . “Io sono la maschera del sole”, scrive il poeta delle Eolie. Parafrasando il celebre aforisma di Oscar Wilde: “Datemi una maschera e vi dirò la verità”, la poesia di Davide Cortese ci confessa: “ Datemi una maschera di buio e vi dirò la luce”. “Il buio mi dona”, leggiamo in questa silloge colta e raffinata, e se siamo subito indotti a immaginare il poeta indossare la tenebra e dire che gli sta bene, giungiamo poi, verosimilmente, a comprendere che questo breve enunciato significa: il buio dona me, il buio mi esprime, mi porta alla luce. Il titolo di questa singolare silloge poetica, “DARKANA”, è dunque una maschera: questo libro è in realtà portatore di luce, proprio come il diavolo che spesso affiora tra le pagine di Cortese: siamo davanti a un libro lucifero, (Lux fero)portatore di luce, appunto. Nei  versi di  Davide Cortese il diavolo simboleggia l’umanità capace del male, capace di infliggere ed infliggersi  dolore, è l’umanità impotente di fronte al proprio potenziale di sofferenza. A questo povero diavolo chiamato uomo, Cortese guarda con clemenza e grande partecipazione emotiva, vi si riconosce quanto vi si riconosce il lettore. “Sono potente quando sbaglio”, scrive Davide Cortese, compiacendosi e commiserandosi a un tempo. Tutta la lettura di “DARKANA” si traduce nell’ “affondare il viso / nel petto nudo del dolore. / E sentirsene abbracciati”. E’ una lettura a volte straniante,  dalla quale riemergiamo come dall’abbraccio di un altro tempo e -a libro chiuso – ciò su cui andremo a posare lo sguardo,  avrà ai nostri occhi una nuova misteriosa consistenza, e  in  questo vi è innegabilmente  il potere della poesia autentica.

Giulio Assanti

Davide Cortese, Sette Poesie tratte da “Darkana” ( LietoColle, Como, 2017 ) Prefazione di Manuel Cohen

 

*

Navighi nel mio buio
tacendo la canzone antica.
Remi nel mio sogno di te.
Fendi il mio mare segreto
nell’alba tragica dei miei occhi.
Tracci il periplo del mio volto
e indugi sulla mia bocca.
Ti sento tra le labbra
bruciare come nome proibito,
come una parola celata
che tutto avvelena del suo mistero.

 

*

A volte la pettino
questa tristezza fiera.
Porto al guinzaglio
un silenzio feroce.
Sorry mama.
Ogni mio sogno ha la criniera.
“Hic sunt leones”
mi tatuo sul cuore.
Il fuoco trema, io no.
Sorry mama.
Parlo la lingua del buio.
Lingua viva è l’oscurità.
Io sono il demone, temo.
Sono il fuoco, ma non tremo.
Sorry mama.
Sono potente quando sbaglio.
Io sono un bambino cattivo.
The devil.
Le diable.
Il vivo.

*

C’è altrove un mio volto
che emerge dalle acque
e si fa isola.
E’ la punta di un iceberg
sepolto dall’abisso.
C’è altrove un’isola arcana
che non è che il mio volto
emerso
in un altro tempo.

*

Le mie mani, secoli or sono
furono tatuate sul petto
di un giovane marinaio di Lisbona.
(Stringevano l’elsa di una spada.)
E’ già accaduto
nella canzone di un vecchio di Baghdad
il bacio che io e te ci siamo appena dati
dicendoci: “tu sei il mio demone”,
“il mio demone sei tu”.
Qualcuno mi ha già conosciuto
a un ballo in maschera a Dresda
nel 1723.

*

Nella lucente burrasca
apro l’ombrello nero.
Sfodero un sorriso macabro
e inizia il mio grande numero.
Si muta in giostra
il mio ombrello cangiante.
Ruota nella burrasca di luce.
Cavalco i demoni della giostra nera
nell’epica marcia dei fulmini.
La pioggia mi sferza il volto,
bagna il mio turgido sorriso.
Ruota l’ombrello,
come vortice oscuro.
Mi trascina con sé in paradiso.
Perforando nubi d’oro
squarcia un candido sipario.
Imbratto le nuvole
con piogge d’inchiostri amari.
Incendio le ali
di arcangeli nudi.
Vedo il loro volo
dare fuoco al cielo.
Una mia sola lacrima
avvelena il fiume sacro dell’Eden.
Prima che smetta di piovere
mi inchinerò alla mia ira,
ne sentirò il poderoso applauso,
mentre sugli alberi i bei frutti
marciranno lesti ad uno ad uno.
Cadrà un’ultima goccia di pioggia.
Chiuderò l’ombrello
e calerà il sipario.
Perché non giunga l’arcobaleno
ruberò ogni colore.
Al mondo non rimarrà
che il nero del mio ombrello.
Quello che adesso
mi farà da bastone.

*

Al buio non le vedo, le mie dita.
Non c’è nulla che io veda più.
E il buio, al buio, non mi vede.
C’è solo nero qui.
Nient’altro che del nero cui badare.
Ma lontano scorgo una briciola di luce.
Piano affiora nel buio
un’arcana figura di cavaliere.
Incede lento come un dio del silenzio,
cavalcando un bianco unicorno.
Si fa vicino.
Ne vedo il volto, infine.
Sono io.
“Hidalgo”, dico.
E scacciando una lacrima
sorrido.

 

Davide Cortese è nato nell’ isola di Lipari nel 1974 e vive a Roma. Si è laureato in Lettere moderne all’Università degli Studi di Messina con una tesi sulle “Figure meravigliose nelle credenze popolari eoliane”. Nel 1998 ha pubblicato la sua prima silloge poetica, titolata “ES”, alla quale sono seguite le sillogi: “Babylon Guest House”, “Storie del bimbo ciliegia”, “ANUDA”, “OSSARIO”, “MADREPERLA”, e “Lettere da Eldorado”.
I suoi versi sono inclusi in numerose antologie e riviste cartacee e on-line, tra cui “Poeti e Poesia” e “I fiori del male”. Le poesie di Davide Cortese nel 2004 sono state protagoniste del “Poetry Arcade” di Post Alley, a Seattle. Il poeta eoliano, che nel 2015 ha ricevuto in Campidoglio il Premio Internazionale “Don Luigi Di Liegro” per la Poesia, è anche autore di due raccolte di racconti: “Ikebana degli attimi” e “NUOVA OZ”, del romanzo “Tattoo Motel” e di un cortometraggio: “Mahara”, che è stato premiato dal Maestro Ettore Scola alla prima edizione di EOLIE IN VIDEO e all’EscaMontage Film Festival.

 

il libro si può acquistare, con lo sconto del 15 %, direttamente su ibs