nella foto con Maria Pina ciancio

Angóre te custudissce quire amore
ca ógne de vriddje me pónge mbiétte
e mmana sande me téne a llucchette
ndó cenacole d’a mussciarije toje

perciò nun suaje l’affanne di juorne
c’a vocca aperte nun sembe parle
cume pure u strìzzeche d’u tuarle
quase maje face cadé a galera soje

e sse pure só a derive de mé stesse
tenghe u vizje a vite cume re ggatte
se te vreguógne de mé ca só pacce
ije d’u córe me vregògne ca te ame

………………………………………………….

Ancora ti custodisco quell’amore
che unghia di vetro mi punge il seno
e mano santa mi tiene in catene
nel cenacolo della tua apatia

perciò non sai l’affanno dei giorni
che la bocca aperta non sempre parla
come pure lo scricchiolio del tarlo
quasi mai fa cader la sua prigione

benché sia alla deriva di me stessa
ho il vizio della vita come i gatti
se ti vergogni di me che sono pazza
io del cuore mi vergogno che ti ama

da  Scurjie (Lietocolle 2005)

a breve in ebook