BUON NATALE, NEMICO!

NLC-2014-12-08-Natale LietoColle-immagine(…) La notte tra il 24 e il 25 dicembre del 1917, tra i soldati italiani e austriaci appostati nelle trincee fronteggiantisi sul Monte Zebio ebbe luogo, qua e là, qualche scambio di auguri e saluti. A un certo punto gli austriaci esposero un cartellone con sopra scritto a grandi caratteri BUON NATALE in lingua tedesca. Il caporale M.E. rispose, gridando nella stessa lingua, un ringraziamento e un contraccambio. Una voce allora domandò dove fosse andato a finire un austriaco che era stato prigioniero quello stesso giorno: M.E. rispose che non lo sapeva. Continuarono scambi di cortesia. Successivamente furono gettate sigarette che vennero raccolte e ricambiate con pane e scambi di lettere per avere notizie di fidanzate e parenti. I soldati tutti furono processati e condannati alla reclusione, da un anno a otto, per tradimento indiretto e conversazione con il nemico (…).(Da Plotone di esecuzione, i processi della prima guerra mondiale, Laterza, 1968). Con questo ritorno nella memoria – testimonianza autentica di verità della Nascita anche nella bestialità della guerra – lo staff LietoColle desidera augurare a tutti, di vero cuore, Buon Natale    

La poesia dell’Oggi

Saggi e incursioni

Ron Silliman – La frase nuova

imagesIl solo ed unico precedente che riesco a trovare per quel che riguarda la frase nuova è Kora all‟inferno ma anche quello piuttosto forzato. Avanzerò un‘ipotesi e, cioè, che c‘è qualche cosa come la frase nuova e che, ad oggi, si presenta più o meno esclusivamente nella prosa della Bay Area. Di conseguenza, questa discussione tende ad affrontare la questione della poesia in prosa. Ho detto che tende perché, al fine di comprendere come mai si capisce così poco delle frasi e delle poesie in prosa, è necessaria una certa quantità di materiale pregresso... continua qui

Silvio Raffo – Vocative

  raffoRide la piazza nel primo sole/domenicale./Dal piccolo borgo raduna/ragazze ragazzi festanti./O Marco piccolino,/la nonna/ti guarda appoggiata al balcone/nella sua ricca gonna./Sull'autobus verde salito,/lo sguardo celeste tu giri/all'angolo dove seduto/aspetto.   0,99 €

Lectio (Poe)Ma–gistralis 2015

La Parola Emotiva

ImmagineLietoColle ritiene che Lectio (Poe)Ma–gistralis rappresenti il modo più serio ed efficace per investire nel potenziale della Casa (Editrice, ma anche luogo), uscendo dalle grandi e medie vetrine del mercato editoriale, entrando nelle preziose botteghe private della poesia. La traccia seguita nella presente stagione è costituita da La Parola Emotiva. L’emozione della parola viene osservata da punti di vista differenti e originali, nella complessità dei segmenti che compongono la costruzione di un’opera poetica, con il coinvolgimento in una sorta di “filiera” che va dall’idea autoriale fino alla divulgazione e promozione del libro compiuto. Leggi il programma per esteso qui qui  

Iniziative

Hai un’età compresa tra i 18 ed i 25 anni? Inviaci la tua raccoltaleggi qui come fare
LietoColle offre l’opportunità di lettura delle opere.leggi qui come fare
Sei un battitore libero del verso, non soggetto ad alcun Maestro?leggi qui come partecipare
Rivista di poesia che indaga i luoghi dell’universo letterario.Archivio riviste

In evidenza

Augusto Pivanti – Epifanie della maternanza

S’impone subito, in questo nuovo libro di Augusto Pivanti, la forza ossessiva del progetto, e dunque l’impegno nell’assecondare un pen-siero attraverso una serie notevole di variazioni sul tema della ma-ternità ovunque diffusa, o della […]

Alessia Fava – Cantami cose di terra

cancello dal letto le ossa
con lacrime chiare di sole
per farmi carne della tua storia

e un senso bianco di pace mi sale
alle vene inonda la riva, nostra
anima combaciata, mia nel dolore

Antonella Chionna – Poghenos

Se il fuoco è il significato
spiegami l’etereo quando prese forma
e le ossa archiviate dalle quale fuggi
quando smisero d’informare la grazia
dalla quale sotto tua benedizione
discese cenere morta.

Irreprensibile penombra
non nascita ma di lei seguito
e la polvere […]

Argentiero Sara – Dire di rabbia sottile

Le poesie di Sara sono l’opposto delle bugie. Invece delle gambe corte le hanno molto lunghe, per correre a perdifiato nelle praterie delle emozioni. Questo libro non è una raccolta di poesie. È una […]

Scaffale

Vetrina

SCRIVI QUI LA TUA POESIA

Dal mondo

Fotocommunity firma Il segreto delle Fragole 2015

E’ da giorni nelle migliori librerie la “poetica Agenda” 2015, pubblicata dalla Casa Editrice LietoColle, che, sulla scia della partnership con Fotocommunity.it, ha scelto il nostro amico Aldo Moglie per accompagnare i 12 mesi del volume con 12 immagini in b/n e con la splendida “Fiore d’acqua” per la copertina.

Mnemosyne di Michele Montorfano, lettura di Luca Minola

L’incubo storico del Nazismo, citato da Montorfano (soprattutto nella prima parte del libro), rappresentato attraverso frammenti di fortissimo impatto, è il vertice estremo del dolore: ” Alcuni, pescati dalle file/ venivano gettati dentro interminabili canali/ altri, passati tra i poli delle spine/ sono gelati all’improvviso./ A un passo dalla vita/ i vetri orbitali si staccavano dall’impianto./ I capelli cascavano come guanti”.

 

 

css.php