lietocolle 2016

la gialla

La poesia dell’Oggi

La recensione del mese

Dalla vista alla visione: la poesia di Arnaldo Éderle in “Poemetti e racconti in versi”. Lettura di Franca Alaimo

Arnaldo-Ederle-Poemetti-e-copertina-piattaArnaldo Éderle concepisce il gesto poetico come uno strumento per trasferire il mondo esterno in una dimensione interiore, dove confrontarlo con le percezioni del proprio “io” e con la categoria della Bellezza. Una tenerezza di fondo guida in ogni caso il primo momento del percorso che l’autore compie attorno alla realtà del mondo (la più prossima come la più lontana), quando parla (o immagina di farlo) con gatti, bambini, vecchi, fanciulle ed altre viventi creature, deciso a coglierne la bellezza, e , qualora essa non sia così evidente, a registrarne almeno la presenza, sia pure umile, come necessaria. Infatti Éderle è soprattutto poeta dell’attenzione e della vista, che ama soffermarsi sui tanti dettagli delle forme nelle loro variazioni e fratture; e, mentre esse abitano precariamente il tempo, egli tenta di fissarle privilegiando l’adesso del suo guardarle. Esse, comunque, vengono percepite come miracoli, come segni della fantasiosa carità divina. Ed è per questo motivo che tutte le immagini che affollano i suoi versi, dopo avere attraversato lo sguardo, si trasformano in visioni, imitando, come già scrive Bandini a proposito dei testi di “Paradiso” (silloge edita da Campanotto nel 2015) quel “moto pendolare tra l’impatto con le cose (colori ed atmosfere) e l’altro momento del suo periodo in cui il poeta si dirige verso il significato segreto delle cose”.

Iniziative

Hai un’età compresa tra i 18 ed i 25 anni? Inviaci la tua raccoltaleggi qui come fare
Un modo nuovo di sfogliare i libriccini LietoColle.leggi qui come fare
Sei un battitore libero del verso, non soggetto ad alcun Maestro?leggi qui come partecipare
Rivista di poesia che indaga i luoghi dell’universo letterario.Archivio riviste
 
fotocommunity-e-LietoColle

Fotocommunity.it e LietoColle. Ovvero poesia e immagine. Che appaiono come declinazioni di una fonte comune dalla quale generarsi vicendevolmente e appartenersi. Ogni gesto espressivo, verbale o iconografico, è il luogo in cui impera la forma. Non vogliamo ripercorrere solo i tratti della relazione poesia-fotografia, ma offrire un percorso di suggestioni e mettere in luce quelli che sono i ponti tra queste due pratiche. Gli artisti fotografi di Fotocommunity rendono visibili le comunanze, i forti legami tra poesia e immagine. Immagine come luogo poetico quindi.

Quadernario 2016 – Almanacco di poesia contemporanea. L’anteprima editoriale ti permette di ordinare il volume esclusivamente via mail all’indirizzo ordini@lietocolle.com; avrai diritto al 15% di sconto sul prezzo di copertina e non pagherai le spese di spedizione

 

è un libro bellissimo. I libriccini del Catalogo LietoColle ti nutrono di Poesia. Se richiedi la copia a ordini@lietocolle.com inserendo nell’ordine : un libro favoloso! avrai lo sconto del 20% e la spedizione gratuita a casa.

Booktrailer

Sonia Rossi. Chalo! . LietoColle ha contribuito significativamente ad indagare nuove cifre e forme di comunicazione, ponendosi tra le prime piccole case editrici attente alla valorizzazione dei testi di poesia anche attraverso le immagini.I booktrailer, in particolare, sono stati da LietoColle studiati e prodotti nella consapevolezza che i videoclip diffusi dall’esperienza musicale stavano diventando, nell’esperienza giovanile, strumenti essenziali di lancio ed amplificazione dei messaggi testuali, oggi a maggior ragione enfatizzati dal social media e dalla rete nel suo complesso.


Scaffale

Venezia e la poesia dell’acqua

La citta lagunare e le sue magie uniche nel dialogo tra lo scrittore Solom Volkov e il poeta Iosif Brodskij. Nobel 1987 ” La cosa più sorprendente di Venezia è proprio l’acqua. Se prestiamo […]

  • jiwoon-pak
    Permalink Gallery

    Tre autrici in una lettura- Rita Gusso, Maddalena Lotter, Greta Rosso: tre donne in un varco di poesia come scheda madre dentro cui ricostituire un luogo

Tre autrici in una lettura- Rita Gusso, Maddalena Lotter, Greta Rosso: tre donne in un varco di poesia come scheda madre dentro cui ricostituire un luogo

di  Fernanda Ferraresso

jiwoon pak

 

Cosa significa:- Salvare la tua lingua ?– Rita Gusso, poeta veneziana, di Caorle per esattezza,  vincitrice nella sezione “poesia edita” del consorso ‘Salva la tua Lingua locale‘, ha avuto il  riconoscimento per […]

Dalla vista alla visione: la poesia di Arnaldo Éderle in “Poemetti e racconti in versi”. Lettura di Franca Alaimo

Arnaldo-Ederle-Poemetti-e-copertina-piattaArnaldo Éderle concepisce il gesto poetico come uno strumento per trasferire il mondo esterno in una dimensione interiore, dove confrontarlo con le percezioni del proprio “io” e con la categoria della Bellezza. Una tenerezza di fondo guida in ogni caso il primo momento del percorso che l’autore compie attorno alla realtà del mondo (la più prossima come la più lontana), quando parla (o immagina di farlo) con gatti, bambini, vecchi, fanciulle ed altre viventi creature, deciso a coglierne la bellezza, e , qualora essa non sia così evidente, a registrarne almeno la presenza, sia pure umile, come necessaria. Infatti Éderle è soprattutto poeta dell’attenzione e della vista, che ama soffermarsi sui tanti dettagli delle forme nelle loro variazioni e fratture; e, mentre esse abitano precariamente il tempo, egli tenta di fissarle privilegiando l’adesso del suo guardarle. Esse, comunque, vengono percepite come miracoli, come segni della fantasiosa carità divina. Ed è per questo motivo che tutte le immagini che affollano i suoi versi, dopo avere attraversato lo sguardo, si trasformano in visioni, imitando, come già scrive Bandini a proposito dei testi di “Paradiso” (silloge edita da Campanotto nel 2015) quel “moto pendolare tra l’impatto con le cose (colori ed atmosfere) e l’altro momento del suo periodo in cui il poeta si dirige verso il significato segreto delle cose”.
css.php