Fanfarije - Assunta Finiguerra

Cod. Art. 978-88-7848-581-5
€15.00
Disponibile
1
Dettagli del prodotto

Assunta Finiguerra di San Fele (PZ) è mancata il due settembre 2009.

Ha vinto numerosi premi tra cui il “Giuseppe Jovine”, il “Premio Pascoli” e fu finalista al premio “DeltaPoesia”.

Suoi testi poetici sono apparsi su Pagine, Periferie, Poesia, Lo Specchio, L’Area di Broca, Capoverso, Ciemme, Gazzetta Ufficiale Dialetti, Kamen', Incroci e in diverse antologie fra le quali: Nuovi Poeti Italiani a cura di Franco Loi, Einaudi Editore.

Nel 2006, all’Università la Sapienza di Roma, Alessia Santamaria ha discusso una tesi sulla sua poesia, relatore Ugo Vignuzzi.


Io ti condanno Dio

Io ti condanno Dio
a vivere come gli uomini della Terra
scalzi, ignudi, sempre faccia in giù
a dirti grazie della vita che gli hai dato

ti condanno perché non sai niente
non sai che il cane morde lo straccione
non sai neanche che Maria Addolorata
gli occhi abbassa a noi e non ci vede.

Io ti condanno per le inquietudini
e per quelli che sono nati malaticci
a bocca piena tu li chiami figli
il tuo però ha gli occhi azzurri e sani


Ije te cunduanne Dije
a ccambà cume l’uòmmene d’a Terre
scàveze, allanure, sembe facce nderre
a dìrete grazzje d’a vite ca r’è date

te cunduanne pecché nun suaje niende
nun suaje ca u cuane mózzeche o struazzate
nun suaje manghe ca Marijadduluruate
l’uocchje avassce a nuje e nun nge vede

ije te cunduanne p’i rine sembe apierte
e pe quire ca só nate malatizze
a vvócca cchiene figlje tu re cchiame
u tuje però è cu l’uocchje azzurre e buone

Salva questo articolo per dopo