I giganti e gli uomini - Arnaldo Éderle

Cod. Art. 978-88-9382-066-0
€14.00
Disponibile
1
Dettagli del prodotto


Ancora una volta Arnaldo Éderle ci stupisce con la densità della sua scrittura e con l'alto senso morale che la pervade; integro nel suo vigore intellettuale; anzi rinvigorito negli accenti fortificati da decenni di appassionato servizio alle ragioni di una lirica dichiaratamente umanistica che soltanto l'età della parresia permette di conseguire e compiutamente manifestare, convertendo al meglio i giovanili inciampi e le generose, eppure, a volte, ingenue infatuazioni sperimentali degli esordi.




Notizia

Arnaldo Èderle, poeta, narratore, critico e traduttore, è nato a Verona dove vive nel 1936. Ha seguito studi linguistici e musicali (armonia e pianoforte). Ha pubblicato: Le pietre pelose ben osservate (Verona, Ferrari, 1965), Racconti (Verona, “Il Nuovo Adige”, 1974-78), Vocativi e querele, prefazione di G. Piccoli (Milano, Il Trifoglio, 1981, Premio Alassio 1981), Partitura (Guanda, 1981), Il fiore d’Ofelia, introd. di G. Raboni (Milano, Società di Poesia-Bertani Ed., 1984, Premio Gatti 1985), La chiesa di Santa Anastasia (Verona, Office Automation, 1992), Contre-chant, introd. di S. Ramat (Mondadori, “Almanacco dello Specchio” n.14, 1993), Paradiso, introd. di F. Bandini (Udine, Campanotto, 1993, finalista Premio Metauro 1995),Il caso Tramonto, racconti (Udine, Campanotto, 1995) Cognizioni affettive, prefaz. di M. Cucchi (Roma, Empirìa, 2001, Premio L. Fiumi 2002, finalista Premio Dessì, 2001, Premio San Pellegrino Terme, 2002), Arcipelaghi (Casette d’Ete AP, Grafiche Fioroni, 2001), Sostanze, prefaz. di G. Galetto (Verona, Bonaccorso, 2004, finalista Premio Camaiore 2005), Varianti di una guarigione, prefaz. di S. Verdino (Roma, Empirìa, 2005, Premio Battista-Circe Sabaudia, 2006), 10 Divagazioni sul corpo umano (Mondadori, “Almanacco dello specchio” 2008), La luce dei cristalli, scritti critici (Verona, Bonaccorso Ed. 2008), Stravagante è il tempo (Roma, Empirìa, 2009, finalista prima rosa al Premio Viareggio-Repaci, 2009), Sandwich, romanzo (Verona, Bonaccorso, 2010), Frammenti imprevisti, Antologia della poesia italiana contemporanea, a cura di A. Spagnuolo (Kairòs Ed. 2011), Poeti e poetiche a cura di G. Lucini (CFR Ed. 2012), Vocativi e querele, 2^ ediz. (Piateda, CFR ediz., 2012), Negrura (Piateda, CFR ediz. 2012), Poemetti per Negrura (Piateda, CFR ediz., 2013), Burlesque, prefaz. di G. Lucini (Como, Lietocolle, 2014), Il deserto di Usèg, Nota di lettura di G. Lucini (Piateda, CFR, 2014), Le magnifiche donne di Glencourt (Piateda, CFR Ed. 2014), Quadernario, Almanacco di poesia contemporanea, a cura di Maurizio Cucchi (Como, LietoColle, 2015), Poemetti e racconti in versi (Como, LietoColle, 2016). Oltre ad aver tradotto da G. d’Aquitania, J. Clare, S. J. Perse, M. Maeterlinck, ha curato e tradotto per Guanda due libri di prosa: Ombre italiane di Vernon Lee (Biblioteca della Fenice, 1988) e Amanti assassinati da una pernice di F. García Lorca (Quaderni della Fenice, 1993). E’ stato tradotto in spagnolo, inglese, olandese. Scrive per “L’Arena”, “Il giornale di Vicenza” e “Bresciaoggi”. Collabora a “Poesia” di Milano.

Salva questo articolo per dopo