'N gir a pè - Piero Marelli

Cod. Art. 978-88-9382-086-8
€13.00
Disponibile
1
Dettagli del prodotto


Se te vét ‘n gir a pè, finiset per incuntràj tücc:

san, mezz-matt e matt intrégh.

Ma lasa che anca l’aria pôda ‘scultàt

cunt ‘na vûs prunta a métes ‘n di pagin

e l’è lì che te vardarànn e müsürerànn

e se quajcòss respund, tì rüza ‘n di sacòcc

ul fiadà de la matina, lenzö bagnâ che dopu la südàda

pôrten frecc, tüscôss maj spiegabil fin ‘n fund…

ul mund di niver desurevìa la piazèta,

l’arèndes di giurnat a ripurtà a cà i gamp.




Prefazione

“Se te vét ‘n gir a pè, finiset per incuntràj tücc: / san, mezz-matt e matt intrégh” (Se vai in giro a piedi, finisci per incontrarli tutti: / sani, mezzi-matti e matti interi.) Inizio l’introduzione riprendendo l’inizio del libro, perché in quell’incipit, e nel testo a cui appartiene, c’è in nuce tutta la raccolta che segue. Novello Dante nella vecchia e mutata Brianza, Marelli cammina per il suo paese, muovendosi con la calma che permette l’osservazione e l’incontro, con i vivi e con i morti.

Infatti, “di vif / ghe vör sentì l’udur, sé, perché gh’è l’udur / di vif e quel di mort, se trata dumâ de cataföra, / e ‘n gir per i stradi ‘e gh’înn tücc e dü, anca s’el pararìa de no” (dei vivi / bisogna sentire l’odore, sì, perché c’è l’odore / dei vivi e quello dei morti, si tratta solo di scegliere, / e in giro per le strade ci sono tutti e due, anche / se non sembrerebbe). Ci passa davanti una galleria di personaggi, in cui la tradizione dialettale del ritratto rivive con la scioltezza e la vivacità che solo una vita di lavoro poetico e teatrale fanno sembrare naturali. Quest’opera, infatti, tiene in equilibrio due dei filoni principali della scrittura di Marelli, la poesia lirica e i lavori teatrali. Molti ritratti del libro sono monologhi o dialoghi inseriti in un contesto lirico, composti con uno stile più nitidamente logico-discorsivo rispetto ad altri libri di Marelli.

La passeggiata è un artificio per ripercorrere non solo un luogo, il proprio paese, ma anche un tempo, quello di una lunga vita alle proprie spalle. Camminando, Marelli incontra persone che si esprimono in dialetto. Camminare è fare un viaggio anche dentro le loro parole, che, ammette Piero quasi con vergogna, da qualche tempo “me barbôten cuntra, cume quajcòss che l’è adré a salüdàm, / prumess ch’înn adré a scancelàss e semper püsé luntan” (mi brontolano contro, come qualcosa che mi sta salutando, / promesse che si stanno cancellando e sempre più lontane). Questo senso di allontanamento è il contraltare individuale della rarefazione sociale del dialetto, ora che “i lènguj înn diventâ badalüff“ e “Dialett incumprensibil ànn picâ a la pôrta…” (le parlate sono diventate moltitudine) e (Dialetti incomprensibili hanno picchiato alla porta…).

È il tema del declino dei dialetti, aggiornato a un’epoca di migrazioni che negli ultimi due decenni stanno cambiando la fisionomia sociale dell’Europa. Dal dopoguerra è un aspetto che nessun poeta in vernacolo ha potuto ignorare. Se Pasolini o Loi, per citare due casi famosi, ne hanno parlato con rabbia apocalittica, Marelli, vi si accosta con spirito diverso, anche perché “quest l’è ‘n temp ch’el respund sotavûs, ch’el stà qujèt / e a la sua manéra ‘l vör murì” (questo è un tempo che risponde sottovoce, che sta quieto / e alla sua maniera vuole morire). Quella di Marelli sembra un’elegia, priva di umidi rimpianti e dotata di una compostezza che ricorda la migliore poesia dialettale lombarda del secondo Settecento: “E prôpi ‘stâ ûra l’è quéla per i me afètt, per i me gratitüdin, / ma nisügn def savèl, la ciàmen nustalgia ma l’è quajcòss / de divers” (E proprio quest’ora è quella dei miei affetti, per le mie gratitudini, / ma nessuno deve saperlo, la chiamano nostalgia ma è qualcosa / di diverso). Il ricordo serve “per mett ‘n bàtera la lontananza” (per mettere in compagnia la lontananza) ed è, con originale concezione, “’na furma de perdun” (una forma di perdono).

Gratitudine e affetto, ma anche un laico senso del divenire che spazza via tutto, consapevole che “Nesüna parôla l’è per semper” (Nessuna parola è per sempre), neanche quelle delle lingue che oggi dominano il mondo.

Ragionevole, dunque, continuare a raccontare la propria esperienza nelle forme, anche linguistiche, in cui è avvenuta, perché nessuno può fare altro che usare i mezzi che il vissuto gli ha messo a disposizione, “minori” o “maggiori” che siano. La variegata compagnia di personaggi citata è collocata in un luogo preciso e duplice. “G’ô dü sacòcc, vüna per tegnim adòss ul busch de sambüs, / l’ôltra per cunservà l’udur de Milan, ‘n due püsé de vün / l’à mantegnü i sö prumess. Dü mund denter ‘n’üniga vûs /c’ô purtâ cunt mì ‘nsèma a quel ch’em cercâ de trainsèma” (Ho due tasche, una per tenermi addosso il bosco dei sambuchi, / l’altra per conservare l’odore di Milano, dove più di uno / ha mantenuto le sue promesse. Due mondi dentro un’unica voce / che ho portato con me insieme a quello che abbiamo cercato di realizzare). Milano e Brianza, uno spazio circoscritto in cui sta però tutta l’esperienza possibile, quello del dualismo città-campagna e cultura-natura. Guardare il mondo da questo osservatorio, attraverso gli occhi di un’umanità mai al centro della storia, offre inoltre alcuni vantaggi di prospettiva che Marelli non tralascia di sottolineare. Di uno dei suoi interlocutori scrive: “Ma fagh a ment, l’è no ‘n màrtur, / ‘l parla semper ‘n dialett (paròj sò), perché ‘l vör ciapà ‘n pô ‘n gir ul mund” (Ma fai a mente, non è un martorotto, / parla sempre in dialetto (parole sue), / perché vuole prendere un po’ in giro il mondo), mentre di un altro dice: “lü ul mund ‘l le varda / da ul dedré, la sua mèrda lü le varda / per minga puciàgh i pé” (lui il mondo lo guarda / dal didietro, la sua merda lui la guarda / per non puciargli i piedi…).

C’è l’orgoglio di aver contribuito a dar forma a una controstoria, il cui valore è ancora da stabilire: “ghe vurarà ‘n bel pô / de ann per cumprend quel c’ànn lasâ” (ci vorrà un bel po’ / di anni per comprendere quello che hanno lasciato). Se Pound scriveva di aver raccolto dall’aria una tradizione viva, Marelli ha lavorato in modo che “anca l’aria pöda ‘’scultàt / cunt ‘na vûs prunta a métes ‘n di pagin / e l’è lì che” altri, in futuro, “te vardarànn e müsürerànn” (che anche l’aria possa ascoltarti / con una voce pronta a mettersi nelle pagine / ed è lì che ti guarderanno e misureranno).

Testimonianza partecipata, l’elegia di Marelli ha la freschezza priva di ripiegamento su di sé di ciò che è aperto sul futuro, come afferma la conclusione senza chiusura dell’ultimo testo, significativamente in italiano: “scrivi di un miracolo che è semplicemente / il giorno che ancora una volta chiede di venirti incontro”.

Edoardo Zuccato




Notizia

Piero Marelli nasce a Limbiate (Mi) il 17 dicembre 1939 e vive a Verano Brianza.
Oltre alle raccolte di poesia in dialetto brianzolo, è traduttore da diverse lingue: il suo lavoro pluriennale sui poeti provenzali ha portato alla pubblicazione di una vasta antologia (2008).
Ha tradotto Elegie Duinesi e i Sonetti a Orfeo di R. M. Rilke e una raccolta dal russo di poesie di V. Majakovskij. E altre traduzioni dal francese e dallo spagnolo, e soprattutto, dalla lirica provenzale del Medioevo.

Salva questo articolo per dopo