Scurije - Assunta Finiguerra

Cod. Art. 978-88-7848-088-6
€10.00
Disponibile
1
Dettagli del prodotto

Assunta Finiguerra di San Fele (PZ) è mancata il due settembre 2009.

Ha vinto numerosi premi tra cui il “Giuseppe Jovine”, il “Premio Pascoli” e fu finalista al premio “DeltaPoesia”.

Suoi testi poetici sono apparsi su Pagine, Periferie, Poesia, Lo Specchio, L’Area di Broca, Capoverso, Ciemme, Gazzetta Ufficiale Dialetti, Kamen', Incroci e in diverse antologie fra le quali: Nuovi Poeti Italiani a cura di Franco Loi, Einaudi Editore.

Nel 2006, all’Università la Sapienza di Roma, Alessia Santamaria ha discusso una tesi sulla sua poesia, relatore Ugo Vignuzzi.


Non posso dirti il nome di chi amo

Non posso dirti il nome di chi amo
vita o morte è la stessa cosa
sangue di Dio o giardino di rose
o cicuta che avvelena la minestra
Tu vuoi sapere troppo e che ti dico?
Mi vuole bene quando siamo a letto
e poi in me rivede la civetta
che dorme in una bolla di sapone

posso considerarmi ancora donna
se candela sull’altare mi consumo
e l’orgoglio sopraffatto dal fumo
mani e piedi muove pupazzetto?


Nde pozze dì u nome de chi ame
vite o morte è la stessa cose
sanghe de Dije o giardine de rose
o cecute c’avveléne a menestre

Tu vuó sapé troppe e cche te diche?
Me vole bbene quanne sime a lliétte
e ppò me torne a vvedé cume a cevétte
ca dorme nda na bbocce de sapone
me pozze cunzederà angóre fémmene
si cannéle sópe a tuare me chenzume
e l’orgoglje sopraffatte da u fume

mane e piede móve pupuazziédde?

Salva questo articolo per dopo