Contro il mio scoglio nero

sospeso sull’oceano

urlano flutti dolorosi.

Si posa un mattino

di strascichi vermigli,

sintesi di sangue da ferita.

L’allodola al nido si spegne, in assenza

di canto. Non esiste rifugio, se non

la prossima pece della notte.