C’è un

tale vento

nelle sere

ansiose di marzo

da schiantare

persino il pensiero…

Alla foce dell’inverno

mi dileguo in un delta

di languori e dolori.

Aspettando, inerme,

primavera.