Chiasmo stupore e sogno.

La lingua balbetta precisi rigori

parole di fiele da stille di miele

suoni d’inverno in converse primavere.

Per due soldi e un rancio di pane

sul punto solleva a gola d’organo

il basso la nota del pianto cattedrale.