non sono

le forti braccia

le mani

che toccano il mondo

i piedi

il corpo che ti ho dato

carne della mia carne

e latte

sono le ali

la fatica che mi ha fatto madre

le tenere piume

ad una ad una

le remiganti

che benedicono la fuga

che ti dicono

va’

senza voltarti