Ascolto il vento che porta notizia

guardo le foglie che insegnano

e i rami come saggi parlano a me

che con occhi brillanti di sapere bevo dalla lor coscienza d’essere natura viva intorno a me

e prendo atto del mio essere Uomo nato.

Osservo l’acqua rifocillare il mio bosco dei misteri

le bestie della mia testa si chinano ad essa

e come rispetto per quello che stanno rubando

socchiudono gli occhi e trattengono il loro freddo respirare nel momento del bere e sapere.

E’ il Cinghiale a vivere in me, è il Lupo, la Lucertola, la Volpe…la bestia del bosco, colei che respira di esso, senza il quale sarebbe nuda e morta…

sono Io.