E’ quando la tua corsa giunge

al dunque e scorgi all’improvviso

la foce del tuo fiume

che apprezzi il secondo tempo

come la parte migliore del film.

Albero circondato dai fiori

delle aiuole gusti il cinguettio

della primavera che non sai,

ricordando le fioriture del passato

quando ape cacciavi il polline

che ti inseminava le giornate,

adesso schiarite ancora

dal sole che ti porti dentro.