vestita di timido rosso

poi sempre più certa

si staglia con limiti limpidi a riannodare

il finito

Un mondo riflesso lassù

Un canto si apre a confondere-cercare-inoltrarsi

tra una fine e un inizio cangianti

E’ vestita di un rosso amaranto e rimanda

ai passaggi dal caos

Sintesi oscura

dapprima

poi sempre più nitida

Cresce coi colori del tempo la vita

con silenzi abissali

ed emozioni già svolte

E’ vestita di un rosso pensoso

stasera

la luna