Sono sopra la città

con questa pioggia battente

sospeso,

tra le vetrate sporche

ad indossare

la sera.

Aspetto di decifrare

il mio percorso

contro la spavalderia

del tempo

che abbatte inesorabile

le stagioni.

E poi ignora il ritmo

sferzante implacabile

le gocce che

si legano al vento.

Ho acceso il mio silenzio

pronto ad un’altra battaglia;

così superba è la vita

che spezza le ali,

ma ora ricomincio

oltre l’incantesimo del giorno

con questo brivido

che sale.