Quell’altro da me

che no è me

eppure in me

così compenetrato,

un passo avanti

mi cammina.

Come un bambino

gli tiro la giacca

la manica al polso

lo guardo da sotto

e arrancando domando

Ma com’è questo poi?

Lui non risponde mai

e mi trascina.