Penso come la notte.

Mi lascio dietro

il mondo in movimento

e stendo la coperta più lunga.

Chiamo a raccolta luci

che ognuno crede sue

nel nome dei suoi cari.

Apro al silenzio

un giorno di novembre,

una ferita quotidiana.