Fabio Sguazzin

FIUME ALL’ALBA

Fiume all’alba

acqua infeconda tenebrosa e lieve

non rapirmi la vista

non le cose che temo

e per cui vivo

acqua inconsistente acqua incompiuta

che odori di larva e trapassi

che odori di menta e già t’ignoro

acqua lucciola inquieta ai miei piedi

da digitate logge

da fiori troppo amati ti disancori

t’inclini e voli

oltre il Montello e di caro acerbo volto

perch’io dispero della primavera.

Andrea Zanzotto