Dopo i cancelli ho sempre amato i campi,

i funghi sparsi come tracce a una segreta via,

il timido torrente che non sa specchiarsi

nei miei occhi appena andati oltre

lo steccato e la sua edera.