MIA MADRE

Amo

la sua vita

pesante di dispiaceri

e lontana dalle vanità.

Giovane

inventava per me

favole incantate

e giochi felici

dimenticando

le sue tristezze.

Ora

quasi vecchia

culla

sulle sue ginocchia

il mio cuore ferito.

Anna Magnavacca