Occhi di furente atmosfera

di non previsti crolli a quote di pianura

onirici e disfatti

mai ascoltati testimoni di efferati atti

di subdole letizie, del vero apparire del nero.

Viventi di rovine, adolescenti,

già blasfemi nel proferire, nell’interrogare,

nell’accanitamente morire.