Mi turbano le rose di settembre
sono piccoli passaggi di infinito
perse tra la disattenzione degli sguardi
un azzardo di velluto tra petali leggeri
e al mattino le ritrovo vestite di quelle lacrime
che si piangono nel silenzioso buio della notte.