li stendono, come moribondi,

a grappoli

sulla terra asciutta,

ostri esuberanti

con le fauci umide di sale

nell’imminenza

degli avelli

loquaci.

sono avvezzi al tacere –

le schiere

di derelitti.

rudi querce a cui

nel gelo

barlumi

restano impigliati.