I CONFINI DELLA POESIA

Ogni tuo movimento suscitava

le mie più recondite parole,

con parole ti ripetevo,

sfioravo, in parole ti trasformavo

finché non ho compreso

che non esiste parola

che faccia male come te.

Pavle Stanisic