Un lavorìo continuo

il mio stare in verticale.

Ma l’andatura?

Soggetta a continue ri-cadute.

E a chi mi chiede come sto, rispondo:

la mia convalescenza si snoda tra slogature dell’anima e del cuore.