Nel bel mezzo del sonno

quando realtà e sogno sono un tutt’uno

e una poltiglia assale

di pensieri o cose della mente

l’ingordigia del giorno

e con la mano cerco ancora

il tuo corpo che respira sereno

allora mi sorprendo spiato

dal volto pensoso di Dio.