Consuetudine o vezzo

fu quel celarti dietro casamenti

fusti d’alberi grandi

angoli di strade immemorabili

sparire d’improvviso

eclissarti

al mio occhio di miope

che seguiva ansante

la bussola che sei (io l’àncora

o forse la zavorra)?