Ci arrampichiamo

per distese lunari

senza vegetazione,

eppure rigogliose,

frastagliati sassi

ci segnano la strada,

alle soglie del cielo,

verso il deserto

dove sostiamo un attimo solo

per contemplare

il seno di donna

accogliente e misterioso,

forse ci sfamerà

per poi tradirci dopo.