Nota per Cristina Annino

Amedeo Anelli

La raccolta di Cristina Annino Polaroid con dedica, approntata espressamente per «Kamen’», comprende poesie edite ed inedite risalenti agli anni 1975-2000. In essa si documenta uno dei più coerenti itinerari del soggetto e dell’io, di una volontà di dire e di misurare il peso dell’enunciazione che fa dell’ellissi, della deformazione plastica, dello spaesamento, dell’anamorfosi del dettato, dello spiazzamento e ripresa su altro registro, della rimozione, della copertura, dell’uso di istanze centrifughe, una costante del Suo itinerario lirico. Ne deriva l’ esito nuovo di poetiche che, partite dalla disautomatizzazione del linguaggio, dalla «mossa del cavallo», dallo straniamento, dall’io che parla da altro luogo, ribadiscono una volontà sorgiva e rinnovata del linguaggio a farsi senso, energia, movimento, contrasto, alterità, spazio corporeo vitale, «arte di ricomporre cose sconnesse».

Coerentemente, la scelta non segue l’evenienza temporale dell’arco compositivo: volendo accentuare le forme contrastive, le annotazioni di criptopoetica e di poetica esplicita e favorire un’apertura polifonica dei testi. In tal senso, la raccolta costituisce una focalizzazione ed un addensamento di luoghi e di modi, abiti e tensioni poetiche dell’Autrice.

Evenienza e merito di questioni, di accenti e posizioni personali, risuonano nel titolo scelto dall’Autrice, appunto Polaroid con dedica, eponimo all’unico testo quadripartito della raccolta. Ancora unicità, distanza, cifra stilistica, qualità.

Così da “Araldica” a “Non è tutt’oro quel ch’è poesia” si compendia uno degli itinerari più riconoscibili in questo disaggregato, estraniato, tramato, Secondo Novecento.

Per gentile concessione dell’editore Amedeo Anelli, da Kamen’, n. 18 giugno 2001

E’ possibile abbonarsi al semestrale Kamen’ ad euro 18

sul ccp 18921205

intestato ad Amedeo Anelli

viale Vittorio Veneto, 23 – 26845

Codogno, Lo