La notevole capacità di Soldini a non ridurre a meri simboli intellettualistici il suo canto, ma a sedimentarlo, pur nella suggestione intensa del linguaggio meta del simbolo, in vissuti reali e contestuali, appare una delle mirabili consegne di questa Opera, Solo per lei. Effemeridi baciate dal sole, che ci è grato definire pulviscolare, per le scintille di luce che, come un prisma sfaccettato, riesce a proiettare. Non a caso il sottotitolo suggestivo e indicatore dell’ermeneutica dell’intera raccolta, così suona: «Effemeridi baciate dal sole». Di questo sole che si coglie attraverso l’andare dei tempi e delle stagioni, gli uomini sanno cogliere quelle scintille di eterno soltanto a patto che non si scada negli scontatismi e nei fruizionismi del rapporto di coppia. In questa prospettiva, allora, Soldini offre una delle prove sue più interessanti, per la singolare capacità di contemplare il sacro, negli eventi che ci circondano. L’Amore, tra questi, resta il più grande. A patto, ancora, di saperlo riconoscere, celebrare e perciò cantare nello stupore troppo spesso soffocato dalle frenesie irrequiete del vivere di oggi. Il Nostro ne è consapevole depositario, dunque, quando sigilla come ultimo passaggio il suo schierarsi a favore della dilatazione degli spazi del Mistero. In questa capacità consiste appunto, il logos dei poeti (dalla Prefazione di Cristiana Freni)


Lo sguardo, il primo, che mi regalasti

lo serbo nello scrigno d’oro

dei miei diletti beni, i più preziosi,

tenuti come curi l’anima

dentro i cardiaci anfratti

dei palpiti che si aprono

come boccioli in fiore.

Gli sguardi che mi doni ancora

aprendo la tua rara anima

al crinale della felicità

che alberga nella mia

impreziosiscono quel primo fiore.

Gli sguardi che mi dai nella visione

azzurra sorridono di te di me di noi

del mondo circostante e allietano

i miei occhi che di riflesso ti riguardano.

Non è fisicità seppur da questa parte

che tiene il filo della nostra intesa,

è invece come una soavissima melodia

che si dipana dalle canne d’organo

dolce armonia di una raccolta chiesa.

Si innalzano divine le note al creatore

gli sguardi tuoi inebriano il mio cuore.

**********

Il malcelato lacerto di diroccate mura

ci aspetta al limitare della malinconia

sulla scalcinata felicità che oggi abiura

alle letizie che ieri ci donarono armonia.

Ma se seguiamo il canto nella commessura

delle anime appartenenti a nobil prosapia

l’amore snideremo dalla scorticatura

e torneremo a cingerci con l’elitropia

che verde e rossa rende noi invisibili

che soli ci riamiamo di un amore puro

per quanto in carne passi e si tramuti in oro.

L’oro degli angeli ed il ceruleo cielo

che restano impassibili nel velo

non fanno che donare il vero

ai riccioli dorati e agli occhi tuoi azzurrati.

Le celestiali note riportano armonia

lasciando andare via la melancolia.

Le mura son fatate somigliano a vetrate

diafane a specchio lucidate: non son più diroccate.

Lo splendido splendore illumina l’amore

nelle terrene fragili e incantate dimore

di queste lievi parole soavi a te dedicate.


Il modo più semplice per ordinare il libro di Maurizio Soldini è tramite bonifico:

– effettuare il bonifico all’IBAN IT 95 S 05216 10900 000000006324 (se eseguirai l’ordine diretto alla casa editrice indicando “Lietocolle di Michelangelo Camelliti” avrai diritto al 15% di sconto sul prezzo e le spese di spedizione gratis)

– effettuato il versamento inviare a redazionelietocolle@libero.it una mail con in allegato la ricevuta di pagamento

– ricordarsi di inserire nella causale l’ordine che si desidera effettuare