In giorni celati dalle nebbie

quando l’anima inquieta s’acquatta

io sto sempre in penombra

e senza pensarci su scelgo

le cose della vita poi all’ultimo

istante mi defilo ma se ti parlo

gli occhi socchiudo come i gatti

e scientemente attendo.