Alcune Poesie

La solitudine

Chiudo le palpebre con il suo fiato sulla nuca
e le riapro incontrando il suo sguardo,
la paura s’impossessa dei miei sensi.
Gli occhi di ghiaccio mi fissano a lungo,
mi regala un sorriso, una boccata di gelo,
sono una foglia spazzata nel vuoto.

Tremo, cerco il sole, ma è pallido e lontano,
mi aggredisce il vento, il suo servitore,
senza pietà spezza i raggi che bramo.
Frugo nei ricordi in cerca di una fiamma,
mi rifugio nella fantasia folle,
vento vuoi portare via anche l’illusione?!

Lei tristemente splende nel suo grigiore,
mentre mi trascina sulla pista da ballo
sulle note della nostalgia.
Mia debolezza segue il ritmo della delusione,
intorno a noi sbiadiscono i ricordi,
ogni nota è scritta con una lacrima.

Non riesco a liberarmi dal suo abbraccio,
il freddo penetra fino al fondo dell’anima,
mi sfiora i capelli con il palmo della mano.
Mi confonde dolente illuminazione
Lei sussurra nel mio orecchio:
non opporti, eri tu che mi cercavi.

Ossessione

Dolciastra
piccola ma tenace
gutta scavat lapidem

Si sta sgretolando una crosta
antica, scegli
di prenderne le distanze

Silenzio uguale chiusura
Sofferenza uguale
Desiderio