(…) Girando sempre su se stessi, vedendo e facendo sempre le stesse cose,

si perde l’abitudine e la possibilità di esercitare la propria intelligenza, e lentamente

tutto si chiude, si indurisce, si atrofizza

come un muscolo (…).

Albert Camus