SPAZIO OSTRAKON via Pastrengo 15, Milano
Mostra personale di Alberto Casiraghy,
fino al 3 luglio 2014
Orari: martedì-sabato 15.30-19.30

Un Alberto Casiraghy inedito quello che s’incontra allo Spazio Ostrakon a Milano, a pochi passi dalla Stazione di Porta Garibaldi. Inediti, infatti, o quantomeno poco conosciuti, sono alcuni suoi lavori pittorici e grafici che, di primo acchito, possono sembrare ermetici e visionari, come ricorda questo suo aforisma: “Quando un sogno diventa importante inizia il mistero”. A guardare bene il repertorio grafico caricaturale, che trabocca di orrifiche presenze, di occhi che spiano, creste, bargigli e denti simili ad affilate seghe, è avvolto oltre che dall’’ironia, a mio avviso, anche da una valenza pedagogica per quanto non intenzionale. L’intensità comunicativa del maestro certo è indubbia e si tocca con mano nella “stanza degli aforismi” dove un’enorme rete a mantello e un’altra piccola rete a sacco, mettono in mostra riflessioni argute, pensieri quieti e inquieti in cui si avverte il canto di quell’acqua che per Alberto è la culla di tutte le sue sinfonie.
Immancabili naturalmente alcuni dei suoi libretti storici accanto ad altri nuovissimi stampati per l’occasione in poche copie, ad alcuni cliché di legno di bosso realizzati dall’incisore Adriano Porazzi, alle stampe giclée di Francesco Di Paolo tratte da incisioni del Porazzi su disegni di Casiraghy.

Testo e fotografie di Rosa Maria Corti