.Alcuni dovrebbero vivere una seconda volta come premio, altri come castigo.
.Anche il male vuol solo il nostro bene.
.Bisogna essere decisi anche per tergiversare.
.Capita di dover tacere per essere ascoltati.
.Chi ha mai chiesto alla tesi e all’antitesi se vogliono diventare sintesi?
.Chissà che cosa avrebbe scoperto Colombo se l’America non gli avesse sbarrato la strada.
.Ci saranno sempre degli esquimesi pronti a dettare le norme su come devono comportarsi gli abitanti del Congo durante la calura.
.Da quando si è messo in piedi sugli arti posteriori, l’uomo non sa più riacquistare l’equilibrio.
.Dimmi con chi dormi e ti dirò chi sogni.
.E se fossimo soltanto il ricordo di qualcuno?
.Frequentare i nani deforma la spina dorsale.
.Ha posseduto la scienza, ma non l’ha resa gravida.
.I poeti sono come i bambini: quando siedono a una scrivania, non toccano terra coi piedi.
.Il momento in cui si riconosce la propria mancanza di talento è un lampo di genio.
.In cima ad ogni vetta si è sull’orlo dell’abisso.
.L’eterno sogno del boia: i complimenti del condannato per la qualità dell’esecuzione.
.La scarsa memoria delle generazioni consolida le leggende.

foto: Sebastien Del Grosso-Self sketch

[button link=”http://www.lietocolle.com/cms/?page_id=4631″ color=”orange” size=”small” target=”_self” animation_type=”0″ animation_direction=”down” animation_speed=””]ARCHIVIO[/button]