Il Comune di Lecco e il Comune di Morterone, in collaborazione con l’Associazione Culturale Amici di Morterone, presentano la mostra Morterone: una soglia poetica. Natura Arte Poesia, allestita al Palazzo delle Paure dal 14 settembre al 9 novembre 2014 che ripercorre l’attività svolta dall’Associazione Culturale Amici di Morterone a partire dal 1986. Questa mostra vuole testimoniare come Morterone, piccolo comune sito ai piedi del versante orientale del monte Resegone, sia divenuto un centro internazionale di poesia e arte grazie al progetto di Carlo Invernizzi e alla sua concezione della poetica della Natura Naturans, che vede nell’operare degli umani un’azione di conoscenza e non un’alterità operativa prevaricante.

L’Associazione Culturale Amici di Morterone ha iniziato a operare a metà degli anni Ottanta del secolo scorso con l’intento di presentare mostre d’arte contemporanea pure creando un Museo all’Aperto, tuttora in progress, con l’installazione di oltre 30 opere di pittura e scultura di artisti italiani ed europei per abbellire il territorio nel rispetto della sua incontaminatezza e far rivivere la comunità sulle proprie radici, rendendo così Morterone un’autentica soglia poetica.

Come scrive la curatrice Francesca Pola, “l’autentico significato di questo progetto è solo in parte assimilabile alla ormai diffusa realtà dei cosiddetti parchi di scultura, che negli ultimi decenni sono sorti in tutto il mondo: l’esperienza di Morterone, di cui questa mostra costituisce un momento altamente indicativo, si pone in realtà un obiettivo completamente diverso, perché vuole affermare la possibilità e la volontà di una crescita armonica di uomo e ambiente. Gli interventi che decine di artisti hanno qui realizzato, rappresentativi di un’eccellenza creativa italiana e internazionale, si pongono come ipotesi e possibilità concrete di un fare dell’uomo che non sia prevaricatore o estraneo rispetto alla natura, più o meno antropizzata, ma in un dialogo con essa in grado di fornire inedite e significative direttrici interpretative a tutti coloro che la abitano e percorrono. In questo senso, quello di Morterone può, retrospettivamente come in prospettiva, leggersi realmente come un progetto pilota nella direzione di un’integrazione senza stravolgimenti, secondo una fattualità conoscitiva di arte e natura: l’arte che ci aiuta a comprendere il nostro essere nel mondo. Morterone è in quest’ottica luogo privilegiato, della geografia e della mente, nel quale proprio le condizioni di assoluta incontaminatezza permettono il libero dispiegarsi di una creatività tesa all’affermazione di una fondamentale identità tra uomo e natura, tra fare antropico e divenire dell’universo vivente”.

La mostra – suddivisa in sezioni – presenterà i vari aspetti dell’attività svolta nel corso di quasi trent’anni, che ha portato all’organizzazione di mostre, convegni letterari e pubblicazioni in Italia e all’estero, coinvolgendo personalità della cultura contemporanea nell’ambizioso intento di costituire anche un Museo degli Artisti inteso come luogo aperto alla progettazione e alla sperimentazione dell’arte nel rispetto della natura e dell’ambiente. Nel percorso espositivo vi saranno pertanto opere di artisti già presenti con installazioni permanenti sul territorio morteronese e di artisti che hanno partecipato alle mostre organizzate dall’Associazione nel corso degli anni, sia a Morterone sia in spazi pubblici in Italia e all’estero. Nelle diverse sale si susseguiranno i lavori di maestri dell’arte contemporanea italiana e internazionale, attivi sin dalla metà del XX secolo quali Rodolfo Aricò, Gianni Asdrubali, Francesco Candeloro, Nicola Carrino, Enrico Castellani, Lucilla Catania, Alan Charlton, Carlo Ciussi, Gianni Colombo, Dadamaino, Riccardo De Marchi, Riccardo Guarneri, Lesley Foxcroft, Igino Legnaghi, François Morellet, Mario Nigro, Pino Pinelli, Bruno Querci, Ulrich Rückriem, Antonio Scaccabarozzi, Nelio Sonego, Mauro Staccioli, Niele Toroni, David Tremlett, Günter Umberg, Grazia Varisco, Elisabeth Vary, Michel Verjux e Rudi Wach in relazione alle poesie di Carlo Invernizzi.

Una sezione sarà dedicata a Carlo Invernizzi e alla sua concezione scientifico-filosofica della poetica della Natura Naturans, originata a Morterone, oltre ad alcuni libri da lui realizzati con gli artisti stessi. Sarà esposto anche parte del materiale riguardante il manifesto “Tromboloide e disquarciata. Natura Naturans”, redatto dal poeta insieme agli artisti Gianni Asdrubali, Bruno Querci, Nelio Sonego; verranno presentati modelli e immagini fotografiche delle opere installate permanentemente sul territorio morteronese. Saranno esposte inoltre fotografie di Maria Mulas dal titolo Ri-tratti relative ad alcuni protagonisti che hanno operato a Morterone ed immagini del fotografo Luigi Erba dal titolo Frasnida. Un’altra sezione approfondirà invece le attività svolte per il recupero della memoria storico-culturale di Morterone, con l’esposizione dei progetti-visione e sculture dell’artista Rudi Wach per il recupero della locale Chiesa Santa Maria Assunta.

In occasione della mostra verrà pubblicato un libro riguardante i vari aspetti dell’attività dell’Associazione Culturale Amici di Morterone, attraverso studi realizzati per l’occasione, documenti storici e materiali fotografici e verrà realizzato un video documentario.

PERIODO ESPOSITIVO: dal 14 settembre al 9 novembre 2014
SEDE ESPOSITIVA: Palazzo delle Paure, Lecco (piazza XX Settembre, 22)
VOLUME A CURA DI: Epicarmo Invernizzi e Francesca Pola SAGGIO DI: Francesca Pola
CONTRIBUTI DI: Massimo Donà, Paola Fenini, Daria Ghirardini, Chiara Mari e Antonella Soldaini TESTI DI: Giovanni Maria Accame, Giorgio Bonomi, Elisabeth Bozzi, Claudio Cerritelli, Lorenzo Mango, Enrico Mascelloni, Mauro Panzera, Francesco Tedeschi, Elmar Zorn ed altri autori

Inaugurazione sabato 13 settembre 2014, ore 18. Ingresso libero.