Percorro la memoria senza scampo inchiodata
a questo andare inviluppato nel dedalo
di segni convergenti in scansioni di tempo
dove si avvita incerto il futuro. E dunque
sciogliere nodi dubbiosi di sguardi riflessi
nei cristalli di vento anche gridare emozioni
nei vortici dell’eco tra i dirupi degli attimi
è d’obbligo. Ora si sveglia – dentro – un sapore
stridente di metallo tra lingua e denti
intermittente raschia come lima la mente
ed io Dedalo incauto mi aggiro perduta
dentro il mio labirinto.

foto: Sulaiman Almawash-Between the present and the past

[button link=”http://www.lietocolle.com/cms/?page_id=4631″ color=”orange” size=”small” target=”_self” animation_type=”0″ animation_direction=”down” animation_speed=””]ARCHIVIO[/button]