acrobata (s.m.) è chi cammina tutto in punta (di piedi):
(tale. almeno è per l’etimo):
poi procede, però, naturalmente, tutto in punta di dita, anche di mani (e in punta di forchetta):
e sopra la sua testa: (e sopra i chiodi, fachireggiando e funamboleggiando): (e sopra i fili
tesi tra due case, per le strade e le piazze: dentro un trapezio, in un circo, in un cerchio, sopra un cielo):
volteggia su due canne, flessibilmente, infilzate in due bicchieri, in due scarpe, in due guanti: (dentro
il fumo, nell’aria): pneumatico e somatico, dentro il vuoto pneumatico: (dentro i pneumatici plastici,
dentro botti e bottiglie): e salta mortalmente:
e mortalmente (e moralmente) ruota:

(così mi ruoto e salto, io nel tuo cuore):

foto: Synox-Underground

[button link=”http://www.lietocolle.com/cms/?page_id=4631″ color=”orange” size=”small” target=”_self” animation_type=”0″ animation_direction=”down” animation_speed=””]ARCHIVIO[/button]