L’uomo rovescia nella corrente
gli avanzi del giorno;
non distoglie lo sguardo dalle acque
anche se un volo di uccelli,
risaliti fin qui dalla foce dei venti,
porta burrasca. Altri compagni verranno
e tu tra tutti indossato il tuo corpo.
Non è medicina che possa guarirti,
né cera pigiata dentro gli orecchi:
ti tradisce l’odore che hai
di un’erba rara, domestica.

foto: Shila Khodaparast-Eyes 1

[button link=”http://www.lietocolle.com/cms/?page_id=4631″ color=”orange” size=”small” target=”_self” animation_type=”0″ animation_direction=”down” animation_speed=””]ARCHIVIO[/button]