di Marco Lodoli

da più di quindici anni, da quando lessi i versi ancora inediti della raccolta Bambino Gesù, seguo con attenzione il percorso petico di Davide Mencarelli, quella stradina scavata tra il dolore e la speranza, tra Roma e i Castelli, tra tradizione e smarrimento. Ora Mencarelli tenta il racconto lirico, narra e canta la storia di un amore adolescenziale, un’esperienza totale, bruciante, celeste. Gabriele è un ragazzo pronto a sprecare la sua vita tra amici balordi, droghe sintetiche, corse suicide in motorino: ma poi incontra Anna, «bellezza semplice e vertiginosa», l’amore che porta con sé nuove domande e nuove attese. È un breve romanzo di formazione, questa Storia d’amore, il ricordo di un tempo in cui tutto era ancora mobile e indefinito, in cui i baci e la parole assolute dovevano fondare un regno bellissimo. «Questa è la storia di tanti.

Di nessuno», la stessa storia che in fondo tutti vivono nella giovinezza, ognuno a modo suo. «Amare e ringraziare, questo mi basta », questo rimane quando tutto è finito.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

DANIELE MENCARELLI

“Storia d’amore” Edizioni LietoColle Euro 13