Un giorno così felice.
La nebbia si alzò presto, lavoravo in giardino.
I colibrì si posavano sui fiori del quadrifoglio.
Non c’era cosa sulla terra che desiderassi avere.
Non conoscevo nessuno che valesse la pena di invidiare.
Il male accadutomi, l’avevo dimenticato.
Non mi vergognavo al pensiero d’essere stato chi sono.
Nessun dolore nel mio corpo.
Raddrizzatomi, vedevo il mare azzurro e le vele

foto: Cie Shin-Alone in somewhere, 2010

[button link=”http://www.lietocolle.com/cms/?page_id=4631″ color=”orange” size=”small” target=”_self” animation_type=”0″ animation_direction=”down” animation_speed=””]ARCHIVIO[/button]