Rientro e chiudo la finestra.
Mi portano il lume e mi danno la buona notte.
E la mia voce allegra dà la buona notte.

Magari la mia vita fosse sempre questo:
il giorno pieno di sole,
o addolcito dalla pioggia,
o tempestoso come se finisse il mondo,
la sera mite e la gente che passa
guarda con interesse dalla finestra,
l’ultimo sguardo amico alla quiete delle piante,
e poi, chiusa la finestra, il lume acceso,
senza leggere niente, senza pensare a niente,
senza neanche dormire,
sentire la vita scorrere in me
come un fiume nel suo letto.

E fuori un grande silenzio,
come un dio che dorme.

foto: Bodil Hegnby Larsen-Ed è subito sera, 2010

[button link=”http://www.lietocolle.com/cms/?page_id=4631″ color=”orange” size=”small” target=”_self” animation_type=”0″ animation_direction=”down” animation_speed=””]ARCHIVIO[/button]