Ormai non saprò più
cosa di me pensasse A.
Se B fino all’ultimo non mi abbia perdonato.
Perché C fingesse che fosse tutto apposto.
Che parte avesse D nel silenzio di E.
Cosa si aspettasse F, senpre che si aspettasse qualcosa.
Perchè G facesse finta, benchè sapesse bene.
Cosa avesse da nascondere H.
Cosa volesse aggiungere I.
Se il fatto che io c’ero, lì accanto,
avesse un qualunque significato
per J, per K e per il restante alfabeto.

foto: Alighiero Boetti-Arazzo, tessitura di Peshawar

[button link=”http://www.lietocolle.com/cms/?page_id=4631″ color=”orange” size=”small” target=”_self” animation_type=”0″ animation_direction=”down” animation_speed=””]ARCHIVIO[/button]